L’ho superato in un giorno

Novak Djokovic on the defeat in the Wimbledon final: I was over it in a day


Novak Djokovic sulla sconfitta nella finale di Wimbledon: l’ho superata in un giorno

Novak Djokovic non senza ragione qualcuno che viene citato da molti come il tennista “mentalmente più forte”. Dopo la sconfitta nella finale di Wimbledon, Djokovic sembra essersi ripreso in fretta, e dopo qualche giorno si è concentrato sulle prossime sfide.

Parlando con Eurosport, il serbo ha confermato i nostri pronostici. Novak ha confermato di essersi presto dimenticato della finale in cui aveva buone possibilità di vincere il trofeo. Il giovane spagnolo, Carlos Alcarazè stato fantastico.“Non è il primo [nor] l’ultima partita che ho perso, quindi l’ho superata in un giorno”, ha detto, come citato da eurosport.com
“Ovviamente, avevo bisogno di un buon riposo dopo, e un po’ di tempo con la mia famiglia, ed è quello che ho fatto.

Quindi, ovviamente, mi sono pentito di non aver sfruttato le occasioni durante quella finale.
Ero un set up e avevo alcuni set point nel secondo, e sentivo di essere vicino ad essere in testa. E poi, ovviamente, qualche palla break nel quinto.
E’ stata una partita combattuta, ma meritata da parte sua, perché per vincere ha giocato meglio nei momenti importanti, ed è quello che ho detto dopo la finale.

Penso che sia stato un vincitore meritato e questo è davvero, praticamente. Vai avanti”. Nella sua lunga carriera, Novak è abituato a vincere e perdere. Dopo ogni sconfitta, è necessario alzare la testa, trovare motivazione e andare avanti. Con questa mentalità, ha attraversato tutta la sua carriera.

Per questo motivo, non sorprende che abbia vinto così tanti trofei. “Ovviamente devo andare avanti e cercare di riorganizzarmi e trovare la motivazione per quello che sta arrivando e tutte le sfide che mi aspettano, ed è per questo che sono Qui.”

Cincinnati

La prossima sfida per lui sarà Cincinnati.

Sarà un momento speciale considerando che sono due anni che non visita l’America. “Altrimenti se non sono motivato non sarei qui. Ora, dopo molti anni di tennis professionistico, sento di avere la possibilità di scegliere di giocare quello che voglio davvero giocare.

E volevo davvero essere qui a Cincinnati e, naturalmente, gli Us Open sono dietro l’angolo. Non vado a Cincinnati dal 2019, è così bello essere tornato. Molti giovani fan che ho visto negli ultimi due giorni sui campi di allenamento, il che è sempre bello da vedere e la gente ama il proprio tennis”.

Ultime News Sport
Sarò onesto se non sono pronto
F1
Sarò onesto se non sono pronto
Manchester City in grossi guai, dice l'allenatore spagnolo
Manchester City in grossi guai, dice l'allenatore spagnolo
 Trilogia di Furia contro Usyk?  Fury ha rivelato i suoi piani per i prossimi incontri fino al ritiro
Trilogia di Furia contro Usyk? Fury ha rivelato i suoi piani per i prossimi incontri fino al ritiro
Una futura riunione con la stella della F1 Max Verstappen
F1
Una futura riunione con la stella della F1 Max Verstappen
Batterei Wilder facilmente
Batterei Wilder facilmente
La F1 offre ancora entusiasmo nonostante il dominio di Max Verstappen
F1
La F1 offre ancora entusiasmo nonostante il dominio di Max Verstappen
Devin Haney prevede una conclusione anticipata contro Ryan Garcia: "Diventa molto ansioso"
“Dimostrerò a tutti che si sbagliano”
Mi aspetto tra un mese di sapere veramente cosa farò l'anno prossimo
F1
Mi aspetto tra un mese di sapere veramente cosa farò l'anno prossimo
Max Verstappen reagisce alla partenza di un personaggio chiave della Red Bull
F1
Max Verstappen reagisce alla partenza di un personaggio chiave della Red Bull
Christian Horner è soddisfatto della prestazione di Sergio Perez, ma invia un messaggio di avvertimento
F1
Christian Horner è soddisfatto della prestazione di Sergio Perez, ma invia un messaggio di avvertimento