La FA non stava pensando alla mia salute mentale

Ivan Toney on the gambling ban: FA wasn't thinking about my mental health


Ivan Toney sul divieto di gioco d’azzardo: la FA non pensava alla mia salute mentale

Attaccante del Brentford Ivan Tony è arrabbiato con le decisioni della FA. È stato accusato dalla FA a novembre ed è stato squalificato per otto mesi per gioco d’azzardo. In una conversazione con The Diary of a CEO Podcast, Toney ha confermato di provare la massima rabbia per non poter giocare per l’Inghilterra ai Mondiali. “Sì, ora sono squalificato, ma la punizione più grande è stata la mia assenza la Coppa del Mondo, personalmente.

Mi sono sentito più ferito e giù in quel periodo, come se qualcuno volesse prendermi in quel momento per impedirmi di giocare per l’Inghilterra – nella mia testa è così che la vedevo in quel momento – vogliono punirmi per questo, giocare per l’Inghilterra ai Mondiali – è il sogno di tutti giocare ai Mondiali – e poi bannarmi anche.

È come un doppio successo.’- ha detto, citato da METRO.Toney ha confermato che non si trattava di partite truccate. L’attaccante inglese ha scommesso su cose completamente diverse.’C’era gente che diceva che si trattava di partite truccate ma non si trattava di partite truccate.

Tempo fa scommettevo su me stesso che avrei segnato per primo e non è così… sto ancora cercando di fare la cosa giusta. Non è che mi schiaccio addosso alla gente per un cartellino giallo qui e ovunque.’

Ivan Toney sulla salute mentale

Toney ritiene che la FA agisca in modo ipocrita.

Nessuno, infatti, ha tenuto conto di quanto questo tipo di decisione possa influenzare lo stato mentale dei giocatori di calcio. Sembra che Toney abbia ricevuto troppe punizioni per quello che ha fatto. L’intera comunità calcistica tiene molto alla salute mentale e poi la FA farà questo e mi allontanerà.

Non è un posto in cui voglio che le persone siano dispiaciute per me. Questa è l’ultima cosa che voglio,’ ha detto Toney. ‘Quindi, cosa succede se qualcuno non forte come me nella testa sta attraversando questa situazione e la loro punizione è che non gli è permesso entrare nel club? Questo lo distruggerebbe.

In questo momento, non essere sul campo di allenamento, mi fa male. So solo che quando sono al campo di allenamento mi alleno più duramente. Non è una bella sensazione. Non essere ammesso al campo di allenamento è sconcertante per me. Sto contando i giorni finché non potrò allenarmi e stare con i ragazzi. È come essere nella prigione del calcio in questo momento.’

Ultime News Sport
Sarò onesto se non sono pronto
F1
Sarò onesto se non sono pronto
Manchester City in grossi guai, dice l'allenatore spagnolo
Manchester City in grossi guai, dice l'allenatore spagnolo
 Trilogia di Furia contro Usyk?  Fury ha rivelato i suoi piani per i prossimi incontri fino al ritiro
Trilogia di Furia contro Usyk? Fury ha rivelato i suoi piani per i prossimi incontri fino al ritiro
Una futura riunione con la stella della F1 Max Verstappen
F1
Una futura riunione con la stella della F1 Max Verstappen
Batterei Wilder facilmente
Batterei Wilder facilmente
La F1 offre ancora entusiasmo nonostante il dominio di Max Verstappen
F1
La F1 offre ancora entusiasmo nonostante il dominio di Max Verstappen
Devin Haney prevede una conclusione anticipata contro Ryan Garcia: "Diventa molto ansioso"
“Dimostrerò a tutti che si sbagliano”
Mi aspetto tra un mese di sapere veramente cosa farò l'anno prossimo
F1
Mi aspetto tra un mese di sapere veramente cosa farò l'anno prossimo
Max Verstappen reagisce alla partenza di un personaggio chiave della Red Bull
F1
Max Verstappen reagisce alla partenza di un personaggio chiave della Red Bull
Christian Horner è soddisfatto della prestazione di Sergio Perez, ma invia un messaggio di avvertimento
F1
Christian Horner è soddisfatto della prestazione di Sergio Perez, ma invia un messaggio di avvertimento