QUOTE IN EVIDENZA

Juan José Ortega, 17 anni, muore in corsa per un infarto

Juan José Ortega, 17, dies in the race of a heart attack


Juan José Ortega era originario di Bogotà e aveva iniziato a pedalare da ragazzo, mostrando doti che facevano ben sperare per il suo futuro soprattutto come scalatore. Il presidente della Lega ciclistica di Bogotà, Jairo Monroy, ha ricordato che il giovane atleta veniva dalla mountain bike ed era un corridore completo.

Adesso aveva deciso di passare dalle ruote grasse al ciclismo su strada e aveva cominciato a mostrare anche qui le sue doti.

La tragedia

Il 17enne colombiano, è morto la scorsa settimana alla Vuelta a Anapoima. Durante la seconda tappa il giovane ciclista si è sentito male quando mancavano solo 3 km al traguardo, è crollato ed è svenuto.

Immediatamente soccorso, è stato trasportato dal personale sanitario nella vicina clinica Soacha, ma per lui non c’è stato nulla da fare. Secondo le prime ipotesi, riportate dai media locali, potrebbe aver avuto un infartoma nei prossimi giorni dopo l’esito dell’autopsia sarà probabilmente possibile avere le idee più chiare.

Gli altri morti per infarto nel ciclismo

Più recentemente la tragica fine del professionista toscano Alessio Galletti. Il 15 giugno 2005 un arresto cardiocircolatorio gli è stato fatale a 15 km dall’arrivo del Subida a Naranco, in Spagna, e nonostante il trasporto all’ospedale di Oviedo non si è salvato.

Tommy Simpson, allora 30enne, durante il Tour de France del 1967 scalando il Mont Ventoux. È crollato sull’asfalto a causa del caldo e delle anfetamine che aveva preso, morendo in pochi istanti. Michael Goolaerts, 23enne belga, è stato impegnato nella Parigi-Roubaix domenica 8 aprile 2018.

Si è ammalato, un infarto in uno dei primi settori acciottolati, e dopo essere caduto dalla bicicletta è stato curato con un defibrillatore. Invano, morì poche ore dopo all’ospedale di Lille. Il portoghese Bruno Neves ha subito un arresto cardiaco durante la Clássica de Amarante e anche per lui non c’è stata scampo.

E nel 2016 il caso di Daan Myngheer, impegnato nella prima tappa del Criterium International in Corsica a Porto Vecchio. Il giovane ha avuto un infarto in gara ed è morto a soli 22 anni pochi giorni dopo all’ospedale di Ajaccio. Lo staff di SportWorldNews si unisce al cordoglio della famiglia.

Ultime Notizie
Zverev Trionfa agli Internazionali d'Italia: sei titoli Masters 1000 e ritorno in top 4
Zverev Trionfa agli Internazionali d'Italia: sei titoli Masters 1000 e ritorno in top 4
Finale di Coppa Italia: Atalanta vs Juventus - Anteprima della Partita
Finale di Coppa Italia: Atalanta vs Juventus - Anteprima della Partita
Sbloccare il Viaggio Veloce in Animal Well
Sbloccare il Viaggio Veloce in Animal Well
Nuovi Regolamenti MotoGP e SBK per il 2027: Maggiore Sicurezza e Spettacolo
Nuovi Regolamenti MotoGP e SBK per il 2027: Maggiore Sicurezza e Spettacolo
Il soggiorno prolungato di Jannik Sinner a Torino e la sua preparazione per il Roland Garros
Il soggiorno prolungato di Jannik Sinner a Torino e la sua preparazione per il Roland Garros
Il futuro di Kvaratskhelia al Napoli: Cosa riserva il mercato
Il futuro di Kvaratskhelia al Napoli: Cosa riserva il mercato
La Corsa alla Vetta: Medvedev Fuori Gioco e Sinner in Agguato a Roland Garros
La Corsa alla Vetta: Medvedev Fuori Gioco e Sinner in Agguato a Roland Garros
Luis Alberto torna in campo con la Lazio dopo una sospensione disciplinare
Luis Alberto torna in campo con la Lazio dopo una sospensione disciplinare
Il futuro di Kimi Antonelli con la Mercedes: una prospettiva positiva
Il futuro di Kimi Antonelli con la Mercedes: una prospettiva positiva
La Conferenza Stampa di Jake Paul e Mike Tyson Sorprende per Cordialità
La Conferenza Stampa di Jake Paul e Mike Tyson Sorprende per Cordialità